Normativa per la costruzione di una piscina

Concessione edilizia e altri permessi per costruire la piscina

Normativa

In base all' Art. 1 comma 6, gli interventi di edilizia privata non hanno bisogno di concessione edilizia se risultano conformi al piano regolatore; è però necessario presentare la D.I.A., ovvero la Denuncia di Inizio Attività, agli uffici comunali (norma soppressa dalla richiesta della Scia, Segnalazione Certificata di Inizio Attività).

Questo documento deve essere realizzato da un professionista abilitato, come un geometra, un architetto o un ingegnere. Dopo la presentazione del documento, il Comune ha trenta giorni di tempo per opporsi. Al termine dei trenta giorni, se non è giunta alcuna opposizione, si può procedere con la costruzione della piscina.

Nonostante questa sia la procedura standard, è sempre necessario informarsi presso l’ufficio tecnico del Comune per controllare se esistono vincoli di tipo paesaggistico o norme del piano regolare, come caratteristiche progettuali, forma, colore, dimensioni della piscina. Bisogna anche verificare che sotto il giardino dove si desidera costruire la piscina non passino condutture idriche, elettriche o del gas o scarichi fognari.

Dopo aver effettuato questi accertamenti, si può finalmente procedere con la costruzione.

Imposte Imu e IRPEF

Con la costruzione della piscina, la casa può passare nella categoria “Abitazione di lusso”. Nello specifico, nel caso in cui la piscina superi gli 80 mq di superficie e siano presenti almeno quattro delle condizioni riportate nell’elenco qui sotto, è possibile che si verifichi una variazione sulla classificazione catastale, con successivo aumento di IMU ed IRPEF:

  • · Abitazione con una superficie utile superiore a 160mq, escludendo terrazzi e balconi, cantine, garage.
  • · Abitazione con superficie utile complessiva delle terrazze superiori ai 65 mq a servizio di una singola unità immobiliare urbana.
  • · Abitazione presenti più di un ascensore per ogni scala, un ascensore di servizio o montacarichi.
  • · La presenza della scala di servizio.
  • · Abitazione con una scala principale rivestita in materiali pregiati per un'altezza superiore a 1,70 m
  • · Se l'altezza libera del piano è superiore a 3,3 m.
  • · Abitazione con porte d'ingresso in legno pregiato o con decorazioni pregiate.
  • · Abitazione con pavimentazioni pregiate per il 50% della superficie totale.
  • · Abitazione con pareti eseguite o rivestite per almeno il 30% della loro superficie con materiali pregiati.
  • · Soffitti decorati con stucchi dipinti a mano.
  • · Presenza di un campo da tennis con superficie maggiore a 650 m.


Se la piscina non supera gli 80 mq e se non ci sono almeno 4 delle condizioni sopra riportate, la piscina è considerata una semplice estensione dell’abitazione.

Share by: